Lettera di saluto del Preside Prof. Samuele Giombi

Ai docenti, al personale ata, agli studenti e famiglie del “Raffaello”

Oggi ho concluso, dopo due anni,  il mio servizio come preside (preferisco ancora, seppur contra legem, questa definizione a quella di “dirigente scolastico”) all’IIS Raffaello di Urbino. Si è trattato di una conclusione anticipata rispetto alle previsioni e che è maturata in seguito ad un’imprevista coincidenza di trasferimento di altri colleghi. Al momento in cui, durante l’estate, ho saputo di questa opportunità, ho riflettuto non poco se avvalermene o meno avanzando domando di mobilità. Ho esitato perché al Raffaello mi stavo affezionando, mi ero (e tale resto) affezionato: ai suoi problemi, alle sue ricchezze, soprattutto alle sue persone (docenti, , amministrativi, tecnici e collaboratori scolastici, studenti  e famiglie); mi sentivo (e mi sento) legato ad alcune progettualità avviate tra cui quelle per il quinto centenario raffaellesco) e di cui avrei voluto seguire la conclusione. Tuttavia, per me il carico delle quasi due ore di viaggio quotidiano era diventato davvero pesante; e non so, rinunciando ora a questa opportunità, se e quando ne avrei avuta un’altra di rientro su Fano (ove risiedo con  la mia famiglia).

Sono stati due anni faticosi e belli. Già oggi, nel bel momento di saluto che docenti e personale hanno voluto dedicarmi, non senza un po’ di commozione ho cercato di sintetizzare alcuni campi in cui maggiore è stato il mio impegno per il Raffaello in questi due anni, sul solco degli ottimi dirigenti che hanno diretto la scuola negli anni precedenti e cui va il mio ringraziamento: il miglioramento delle condizioni di sicurezza nella scuola, a beneficio di tutti i suoi diversi “utenti” (con l’adeguamento della formazione del personale tutto e degli studenti, la predisposizione di accorgimenti di sicurezza nelle aule e nei vetri, l’ampiamento di alcune aule al fine di renderle adatte al numero degli studenti nelle classi, la messa in atto di misure compensative rispetto alla mancanza della certificazione antincendio nell’edificio scolastico, l’impulso dato alla Provincia per lo stanziamento – finalmente, almeno in  parte,  avvenuto – di fondi da destinare alle verifiche antisismiche e agli interventi necessari sull’edificio); la implementazione di procedure e strumenti per attività didattiche-valutative (schemi di verbalizzazione, criteri-rubriche di valutazione, altro materiale per comunicazioni con le famiglie); la individuazione il più possibile condivisa di un punto di equilibrio rispetto ad alcune questioni connesse all’innovazione curricolare a lungo motivo di discussione in seno al Collegio (con l’introduzione dello Spagnolo nel curricolo opzionale della scuola); l’ampiamento dell’offerta formativa extracurricolare (con l’attivazione di corsi di preparazione ai test di ingresso universitari, anche in collaborazione con l’Università di Urbino); la crescita di una dimensione culturale della scuola in rapporto con il territorio (con l’organizzazione di incontri e presentazione libri promossi dall’IIS Raffaello e aperti al pubblico in una prestigiosa sede cittadina, in collaborazione con Comune, Università,, Fondazione Carlo Bo).

Naturalmente tutto questo si è potuto realizzare solo in virtù della collaborazione vera di molti nell’istituto, mentre tanto resta ancora da fare. E se molti hanno collaborato (più o meno da vicino), con tutti vi è stato un rapporto comunque – credo di poter dire – leale e positivo. Di ciò sono davvero a tutti grato e mi scuso con coloro ai quali eventualmente qualche mio atteggiamento o qualche mia parola possano essere dispiaciuti. E del Raffaello porto con me tante esperienze, tanti volti, compresi quelli di molti studenti, che sono il fine del nostro lavoro; di alcuni di essi ho potuto conoscere le fragilità o i difetti, ma ho anche ben presenti la ricchezza derivatami dalle conversazioni con qualcuno di loro e le emozioni ricavate dal loro splendido musical di inizio giugno e dalla loro altrettanto splendida performance teatrale di fine maggio.

Ora, mi attende da domani un nuovo servizio in una nuova sede: il liceo Nolfi – Apolloni di Fano. È una scuola che conosco per avervi prima studiato e poi insegnato ben 15 anni le mie sempre amate discipline classiche, anche se allora si trattava di una scuola molto più piccola e ben diversa da quella che è oggi. Perciò, intendo questo trasferimento un po’ quasi come un ritorno a casa (anche se in una casa ristrutturata, ampliata, trasformata). Da un primo approccio iniziale che ho potuto avere, credo che mi attende un compito non facile. Ma cercherò di assolverlo con il massimo impegno. Negli anni in cui ho cominciato a fare questo “mestiere” (2007-08) era di moda per la scuola lo slogan delle “tre i”: inglese, internet, impresa. Allora, con pochissimi colleghi, pensammo di poterci riconoscere invece meglio in una scuola all’insegna delle “tre u”: umanità (per riconoscere sempre nell’altro la persona, prima dello studente, del genitore, del collega, del collaboratore a vario titolo), umiltà (per sapersi sempre mettere in discussione), umorismo (nel senso pirandelliano del termine, per saper conservare una riserva critica rispetto ad ogni assolutizzazione). Ebbene, senza rinunciare ad un’equilibrata rilevanza innovativa delle “tre i”, a questo modello delle “tre u” resto molto legato; e, così come ho potuto fare nelle scuole che ho sinora diretto (Battisti, Torelli, Raffaello),  vorrei cercare di condividerlo anche nella nuova sede del Nolfi – Apolloni, contando sull’aiuto di tutti.

 

Al nuovo dirigente del Raffaello i migliori auguri. Ho potuto appena conoscerlo, ma il suo profilo formativo-culturale e l’impressione che mi ha dato il colloquio avuto con lui mi rendono sicuro che sarà un ottimo dirigente scolastico.

Al  Raffaello di Urbino e alle sue persone da parte mia ancora un grande “grazie”.

 

Fano, 31.08.2019

Samuele Giombi

Lettera di saluto del Preside  Prof. Samuele Giombi

Ultimi articoli

News 12 Novembre 2019

ORARIO RICEVIMENTO DOCENTI A.S. 2019/20

Si comunica che l’orario di ricevimento dei docenti per i genitori è visibile nel registro elettronico .

News 31 Ottobre 2019

ORARIO DELLE LEZIONI IN VIGORE DA LUNEDI’ 4 NOVEMBRE P.V.

Pubblicato l’orario delle lezioni in vigore da lunedì 4 novembre p.

News 21 Ottobre 2019

Progetto Erasmus + Marche di Charme 2019

Si pubblicano la Circolare, l'Avviso di selezione, la presentazione del Progetto, la scheda sintetica relativi al Progetto Erasmus + Marche di Charme 2019 - n. 2019-1-IT01-KA102-007374; CUP G15E19000080006

Comunicazioni famiglie 19 Ottobre 2019

Orario classi e Navette dal 21 Ottobre e comunicato fornitura gratuita libri di testo

Pubblicati l'orario di tutte le classi valido dal 21 Ottobre e l'aggiornamento degli orari delle navette e la comunicazione riguardante le informazioni sulla fornitura gratuita e semigratuita dei testi da parte dei comuni Orario_classi_dal_21_ottobre Orari NAVETTE urbino raffaello-agg -18-10-2019

Utilità

torna all'inizio del contenuto