LA PROVA D’ESAME

PER L’ANNO SCOLASTICO 2020/21 le prove d’esame sono sostituite da un colloquio, che ha la finalità di accertare il conseguimento del profilo culturale, educativo e professionale dello studente.

Lo studente sostiene il colloquio davanti alla sottocommissione (6 commissari interni + presidente esterno) nella sede dell’istituto. I colloqui inizieranno MERCOLEDI’ 16 GIUGNO 2021 ALLE ORE 8.30. Il calendario completo dei colloqui sarà pubblicato all’albo on line della scuola nella giornata di lunedì 14 giugno. Di norma non è possibile calendarizzare più di 5 prove orali al giorno.

ECCO COM’E’ ARTICOLATO IL COLLOQUIO:

a) discussione di un elaborato concernente le discipline caratterizzanti e in una tipologia e forma ad esse coerente, integrato, in una prospettiva multidisciplinare, dagli apporti di altre discipline o competenze individuali presenti nel curriculum dello studente, e dell’esperienza di PCTO svolta durante il percorso di studi. L’argomento è assegnato a ciascun candidato dal consiglio di classe entro il 30 aprile 2021. Il consiglio di classe provvede anche a designare i docenti di riferimento
per l’elaborato.
IMPORTANTE! L’elaborato è trasmesso dal candidato al docente di riferimento per posta elettronica entro il 31 di maggio, includendo in copia anche l’indirizzo di posta elettronica istituzionale della scuola o di altra casella mail dedicata.
Nell’eventualità che il candidato non provveda alla trasmissione dell’elaborato, la discussione si svolge comunque in relazione all’argomento assegnato, e della mancata trasmissione si tiene conto in sede di valutazione della prova d’esame.

b) discussione di un breve testo, già oggetto di studio nell’ambito dell’insegnamento di lingua e letteratura italiana durante il quinto anno e ricompreso nel documento del consiglio di classe;

c) analisi, da parte del candidato, del materiale scelto dalla sottocommissione con trattazione di nodi concettuali caratterizzanti le
diverse discipline, anche nel loro rapporto interdisciplinare;

d) esposizione da parte del candidato, eventualmente mediante una breve relazione ovvero un elaborato multimediale, dell’esperienza di PCTO svolta durante il percorso di studi, solo nel caso in cui non sia possibile ricomprendere tale esperienza all’interno dell’elaborato di cui alla lettera a).

La sottocommissione cura l’equilibrata articolazione delle fasi del colloquio, della durata indicativa di 60 minuti. Per la valutazione della prova orale la sottocommissione dispone di massimo 40 PUNTI.

ATTENZIONE! PER LA CLASSE CON OPZIONE ESABAC

Per le sezioni di percorsi liceali ove è attivato il progetto EsaBac, le prove di cui al decreto EsaBac sono sostituite da una prova orale in Lingua e letteratura francese e una prova orale che verte sulla disciplina non linguistica (Storia) veicolata in francese. Ai fini dell’espletamento delle suddette la sottocommissione assegna ai candidati un tempo aggiuntivo.

Ai soli fini del Baccalaureat, la sottocommissione esprime in ventesimi il punteggio delle prove orali. Il punteggio globale dell’esame EsaBac risulta dalla media aritmetica dei voti ottenuti nelle specifiche prove orali. Per il rilascio del diploma, il candidato deve aver avuto un punteggio complessivo almeno pari a 12/20, che costituisce la soglia della sufficienza. L’eventuale mancato superamento del Baccalaureat non pregiudica la prova dell’esame di stato italiano.

torna all'inizio del contenuto