Articoli

6 Marzo 2022

IL RAFFAELLO A SOSTEGNO DELLA POPOLAZIONE UCRAINA

Grazie a tutti per la generosità con cui avete risposto all’iniziativa di colletta alimentare proposta dagli studenti del Raffaello per supportare la popolazione ucraina in questo momento di profondo sgomento e incertezza.

I ragazzi si sono occupati di raccogliere gli alimenti portati a scuola, dividerli e imballarli, rendendoli pronti per essere caricati sul convoglio con destinazione Ucraina.

Di seguito la testimonianza della persona che si è offerta di consegnare materialmente il raccolto della colletta ad una associazione ucraina presente qui sul territorio: “Sabato mattina (5 marzo) abbiamo consegnato i pacchi di generi alimentari raccolti dai ragazzi. Grande è stata la commozione della giovane signora che ci ha accolto. Lunedì partirà un camion da Rimini e proverà ad entrare dentro i confini come la volta precedente o, se impossibilitato,  consegnerà la merce ai profughi al confine. È stato un momento molto coinvolgente ed emozionante per tutte le persone coinvolte. La signora era molto stupita e molto grata. Altro materiale raccolto (vestiario) è stato consegnato alla Caritas. Le iniziative che hanno coinvolto il Raffaello sono numerose: ConadSasso, la farmacia Maroccini, la Caritas, l’associazione Ucraina Marche… 

Si riporta anche un articolo di una studentessa che, insieme ad altri compagni, ha riflettuto su quanto sta accadendo.

SOLIDARIETA’ ALL’UCRAINA

“È proprio vero che nelle difficoltà le persone si uniscono, riuscendo a mettere da parte anche vecchi rancori. Sono disposte, infatti, per fronteggiarle, a dimenticare, anche per un solo istante, differenze di ogni tipo: genere, razza, lingua, orientamento religioso/sessuale, colore della pelle.

Di fronte all’emergenza siamo tutti uguali: un unico Popolo, Figli del Mondo chiamati a dar voce a sentimenti comuni di Fratellanza e Solidarietà.

Questo è quello che successo in ogni angolo della Terra in questi giorni: milioni di persone si sono movimentate per mettere in piedi iniziative di ogni genere (raccolta fondi, viveri, beni di prima necessità, accoglienza … ecc. … ecc. …) in favore di un Popolo in fuga dalla guerra.

La parola guerra, che eravamo abituati a leggere soltanto nei nostri libri di storia, da qualche giorno a questa parte riempie i nostri pensieri, ci stiamo ritrovando, purtroppo, a vivere con sentimenti di paura, sgomento, incredulità.

È commovente vedere come, anche gli studenti del Raffaello di Urbino, per un giorno, dimenticandosi di interrogazioni, compiti e verifiche, si sono uniti, tutti insieme, per partecipare alla raccolta diderrate alimentari da inviare ai Profughi dell’Ucraina, dando così il loro piccolo contributo e far sentire la loro vicinanza.

Il sorriso genuino, stampato sui nostri volti, ci ha fatto capire ancora una volta, più di mille messaggi, che dove c’è Amore c’è Speranza e Pace. Nonostante il soffiare di gelidi venti di guerra, dettati dall’odio dei Potenti della Terra, Noi gridiamo convinti, con un’unica voce:

NO ALLA GUERRA!”

(C. Betti)

-->
torna all'inizio del contenuto